Ogni parte della cucina, proprio come ogni tipologia di alimento, va curata e trattata con grande attenzione e professionalità dal punto di vista igienico-sanitario.

Ecco perché anche le cappe, i fornelli e i grandi e piccoli elettrodomestici devono essere sempre puliti e disinfettati a regola d’arte. Proprio come fa Serviceking Sanificazione.

  • Apparecchi di cottura. Nei casi di forni e friggitrici, la contaminazione microbica è ridotta dalle elevate temperature e dal fatto che il cibo non è in contatto diretto con gli strumenti. Nelle piastre e nelle griglie, con cui gli alimenti entrano in contatto diretto, bisogna utilizzare detergenti liquidi ad alta alcalinità libera fondamentali per eliminare i residui carboniosi misti a grasso.
  • Banchi frigo e celle frigorifere. In questi ambienti umidi batteri, muffe, lieviti, pollini e virus possono proliferare . La loro corretta igienizzazione è fondamentale per la conservazione dei prodotti. La manutenzione giornaliera prevede la pulizia di porta, maniglia, pavimento della cella, contenitori e scaffalature. Periodicamente bisogna pulire spigoli, scambiatori, canale raccolta condensa, gocciolatoi e risvolti guarnizioni porta con un deter-disinfettante pronto all’uso.
  • Lavastoviglie. L’impiego continuo di queste macchine forma calcare sulle pareti interne, sugli ugelli e sui cestelli facendo proliferare sporcizia e germi. È necessario intervenire con prodotti a reazione acida, in abbinamento a inibitori di corrosione e a tensioattivi. Se non si utilizzano detergenti clorattivi, occorre provvedere periodicamente alla sanificazione della lavastoviglie e delle stoviglie, eseguendo un normale ciclo di lavaggio con un prodotto sanificante. Molto usati sono i prodotti clorattivi a base alcalina, che oltre ad avere un efficace effetto sanificante, eliminano le macchie dalle stoviglie.
  • Macchinari. Per intervenire correttamente su tritacarne, affettapatate, grattugie e altri macchinari di cucina occorre: smontare le parti mobili, rimuovere i residui di alimenti, detergere, risciacquare, igienizzare, risciacquare e asciugare. Per ridurre tempi e sprechi di acqua, la fase di igienizzazione è eseguita con deter-disinfettanti che non prevedono risciacquo e asciugatura. Per affettatrice, tritacarne e planetaria sono indicati detergenti a ph basico, che rimuovono materiale organico e grassi.
  • Cappe e Canne Fumarie. Per le cappe professionali la problematica principale di tipo igienico è l’accumulo di residui grassi che possono essere a rischio di incendio ma anche contaminare i cibi in cottura con agenti patogeni. Per essere in regola con il Decreto Legislativo 81/2008, e con quanto disposto in materia di HACCP, è necessaria la pulizia frequente dei condotti di aspirazione, fatta in modo professionale. Si tratta quindi di smontare gli elementi, spazzolare in modo meccanico con spazzole rotanti per eliminare i residui grassi e rimontare.

Le operazioni per una corretta e completa sanificazione di una cucina professionale non finiscono qui. Per una panoramica completa, approfondisci anche gli negli altri due articoli: